LA COTTURA DEI PESCI SOTTOVUOTO PDF Stampa E-mail
Il Sottovuoto
Scritto da Damiano Savin   

Questo metodo di cottura è particolarmente indicato per il pesce in quanto manterrà intatte più a lungo nel tempo le qualità organolettiche e nutrizionali. La cottura di pesci congelati o surgelati è sconsigliata perché di scarsa affidabilità dal punto di vista igienico.

La struttura della composizione della carne del pesce è caratterizzata dal basso contenuto di tessuti connettivi e di collageno, circa il 3% del loro peso. Il loro tessuto anche se differente dà luogo alla formazione di gelatina in  cottura. Un pesce non dovrebbe mai essere cotto ad una temperatura superiore dei 78°C al cuore.

 

Pesci interi

La carne del pesce inizia a staccarsi dalla lisca ad una temperatura di circa 67-78°C; la temperatura di cottura è di 70-75°C.

Filetti di pesce

È consigliabile inserire un sostegno nel sacchetto in modo che non si possano flette né comprimere nello stoccaggio. La temperatura al cuore è di 65°C con una temperatura della camera a 70-80°C in modo che le proteine superficiali coagulino velocemente e mantengano una certa compattezza.

I crostacei

È consigliabile l’utilizzo di sacchetti resistenti o contenitori. La temperatura al cuore è di 65°C e vanno cotti a temperature più alte del normale per consentire un migliore distacco dalla carne dalla corazza, ad una temperatura di 85-92°C.

Molluschi e cefalopodi

È consigliabile utilizzare solamente molluschi di piccola taglia e giovani in quanto la fibra è spessa e dura oppure eseguire un’operazione di rottura delle fibre. La temperatura di cottura può variare da 75° a 92°C fino a diventare morbido a seconda del prodotto.

Molluschi bivalve

Il confezionamento di questi prodotti non permette una lunga conservazione a causa del guscio molto contaminato fonte di inquinamento batteriologico molto pericoloso.

È consigliabile una buona lavatura e raschiatura del guscio. Quando si confeziona il prodotto occorre aggiungere del liquido per lasciare spazio sufficiente all’apertura dei gusci. La temperatura di cottura è di 92°C quindi oltre la temperatura necessaria per l’apertura del guscio tra i 65 e 73°C.

 

Le più lette


Thumbnail
Meringa giapponese
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Frittelle alla crema
Desserts  (16)
 
Thumbnail
Meringa italiana
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Crema allo zabaione
Impasti base  (14)
 
Thumbnail
Frittelle veneziane
Desserts  (16)

Articoli

  • Lo storione cobice
  • I funghi di Costozza
  • Costo ricetta
  • La patata di Roveredo
  • Il prosciutto di Montagnana

L'Agroalimentare

#666
#666
#666

AGLIO DI VOGHIERA

AGLIO DI VOGHIERA Continua

#666

LO SCALOGNO DI ROMAGNA

LO SCALOGNO DI ROMAGNA Continua

#666
#666
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/939932RISO_DI_GRUMOLO_2.jpg
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/356406arance.jpg
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/302961moche.jpg
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/208069l___aglio.jpg
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/233858ulbo.jpg
http://www.chef4prof.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/454749Immagine9.gif
thumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnailthumbnail

Contenuti Multimediali

  • Sottovuoto
  • Cheesecake
  • Canestrelli